Genesi, capitolo 31

  1. Or Giacobbe udì le parole de’ figliuoli di Labano, che dicevano: «Giacobbe ha tolto tutto quello che era di nostro padre; e con quello ch’era di nostro padre, s’è fatto tutta questa ricchezza».
  2. Giacobbe osservò pure il volto di Labano; ed ecco, non era più, verso di lui, quello di prima.
  3. E l’Eterno disse a Giacobbe: «Torna al paese de’ tuoi padri e al tuo parentado; e io sarò teco».
  4. E Giacobbe mandò a chiamare Rachele e Lea perché venissero ai campi, presso il suo gregge, e disse loro:
  5. «Io vedo che il volto di vostro padre non è più, verso di me, quello di prima; ma l’Iddio di mio padre è stato meco.
  6. E voi sapete che io ho servito il padre vostro con tutto il mio potere,
  7. mentre vostro padre m’ha ingannato e ha mutato il mio salario dieci volte; ma Dio non gli ha permesso di farmi del male.
  8. Quand’egli diceva: I macchiati saranno il tuo salario, tutto il gregge i figliava agnelli macchiati; e quando diceva: Gli striati saranno il tuo salario, tutto il gregge figliava agnelli striati.
  9. Così Iddio ha tolto il bestiame a vostro padre, e me l’ha dato.
  10. E una volta avvenne, al tempo che le pecore entravano in caldo, ch’io alzai gli occhi, e vidi, in sogno, che i maschi che montavano le femmine, erano striati macchiati o chiazzati.
  11. E l’angelo di Dio mi disse nel sogno: Giacobbe! E io risposi: Eccomi!
  12. Ed egli: Alza ora gli occhi e guarda; tutti i maschi che montano le femmine, sono striati, macchiati o chiazzati; perché ho veduto tutto quel che Labano ti fa.
  13. Io son l’Iddio di Bethel, dove tu ungesti un monumento e mi facesti un voto, Ora lèvati, partiti da questo paese, e torna al tuo paese natìo».
  14. Rachele e Lea risposero e gli dissero: «Abbiam noi forse ancora qualche parte o eredità in casa di nostro padre?
  15. Non ci ha egli trattate da straniere, quando ci ha vendute e ha per di più mangiato il nostro danaro?
  16. Tutte le ricchezze che Dio ha tolte a nostro padre, sono nostre e dei nostri figliuoli; or dunque, fa’ tutto quello che Dio t’ha detto».
  17. Allora Giacobbe si levò, mise i suoi figliuoli e le sue mogli sui cammelli,
  18. e menò via tutto il suo bestiame, tutte le sostanze che aveva acquistate, il bestiame che gli apparteneva e che aveva acquistato in Paddan-Aram, per andarsene da Isacco suo padre, nel paese di Canaan.
  19. Or mentre Labano se n’era andato a tosare le sue pecore, Rachele rubò gl’idoli di suo padre.
  20. E Giacobbe si partì furtivamente da Labano, l’Arameo, senza dirgli che voleva fuggire.
  21. Così se ne fuggì, con tutto quello che aveva; e si levò, passò il fiume, e si diresse verso il monte di Galaad.
  22. Il terzo giorno, fu annunziato a Labano che Giacobbe se n’era fuggito.
  23. Allora egli prese seco i suoi fratelli, lo inseguì per sette giornate di cammino, e lo raggiunse al monte di Galaad.
  24. Ma Dio venne a Labano l’Arameo, in un sogno della notte, e gli disse: «Guardati dal parlare a Giacobbe, né in bene né in male».
  25. Labano dunque raggiunse Giacobbe. Or Giacobbe avea piantato la sua tenda sul monte; e anche Labano e i suoi fratelli avean piantato le loro, sul monte di Galaad.
  26. Allora Labano disse a Giacobbe: «Che hai fatto, partendoti da me furtivamente, e menando via le mie figliuole come prigioniere di guerra?
  27. Perché te ne sei fuggito di nascosto, e sei partito da me furtivamente, e non m’hai avvertito? Io t’avrei accomiatato con gioia e con canti, a suon di timpano di cetra.
  28. E non m’hai neppur permesso di baciare i miei figliuoli e le mie figliuole! Tu hai agito stoltamente.
  29. Ora è in poter mio di farvi del male; ma l’Iddio del padre vostro mi parlò la notte scorsa, dicendo: Guardati dal parlare a Giacobbe, né in bene né in male.
  30. Ora dunque te ne sei certo andato, perché anelavi alla casa di tuo padre; ma perché hai rubato i miei dèi?»
  31. E Giacobbe rispose a Labano: «Egli è che avevo paura, perché dicevo fra me che tu m’avresti potuto togliere per forza le tue figliuole.
  32. Ma chiunque sia colui presso il quale avrai trovato i tuoi dèi, egli deve morire! In presenza dei nostri fratelli, riscontra ciò ch’è tuo fra le cose mie, e prenditelo!» Or Giacobbe ignorava che Rachele avesse rubato gl’idoli.
  33. Labano dunque entrò nella tenda di Giacobbe, nella tenda di Lea e nella tenda delle due serve, ma non trovò nulla. E uscito dalla tenda di Lea, entrò nella tenda di Rachele.
  34. Or Rachele avea preso gl’idoli, li avea messi nel basto del cammello, e vi s’era posta sopra a sedere. Labano frugò tutta la tenda, e non trovò nulla.
  35. Ed ella disse a suo padre: «Non s’abbia il mio signore a male s’io non posso alzarmi davanti a te, perché ho le solite ricorrenze delle donne». Ed egli cercò ma non trovò gl’idoli.
  36. Allora Giacobbe si adirò e contese con Labano e riprese a dirgli: «Qual è il mio delitto, qual è il mio peccato, perché tu m’abbia inseguito con tanto ardore?
  37. Tu hai frugato tutta la mia roba; che hai trovato di tutta la roba di casa tua? Mettilo qui davanti ai miei e tuoi fratelli, e giudichino loro fra noi due!
  38. Ecco vent’anni che sono stato con te; le tue pecore e le tue capre non hanno abortito, e io non ho mangiato i montoni del tuo gregge.
  39. Io non t’ho mai portato quel che le fiere aveano squarciato; n’ho subìto il danno io; tu mi ridomandavi conto di quello ch’era stato rubato di giorno o rubato di notte.
  40. Di giorno, mi consumava il caldo; di notte, il gelo; e il sonno fuggiva dagli occhi miei.
  41. Ecco vent’anni che sono in casa tua; t’ho servito quattordici anni per le tue due figliuole, e sei anni per le tue pecore, e tu hai mutato il mio salario dieci volte.
  42. Se l’Iddio di mio padre, l’Iddio d’Abrahamo e il Terrore d’Isacco non fosse stato meco, certo, tu m’avresti ora a rimandato vuoto. Iddio ha veduto la mia afflizione e la fatica delle mie mani, e la notte scorsa ha pronunziato la sua sentenza».
  43. E Labano rispose a Giacobbe, dicendo: «Queste figliuole son mie figliuole, questi figliuoli son miei figliuoli, queste pecore son pecore mie, e tutto quel che vedi è mio. E che posso io fare oggi a queste mie figliuole o ai loro figliuoli ch’esse hanno partorito?
  44. Or dunque vieni, facciamo un patto fra me e te, e serva esso di testimonianza fra me e te».
  45. Giacobbe prese una pietra, e la eresse in monumento.
  46. E Giacobbe disse ai suoi fratelli: «Raccogliete delle pietre». Ed essi presero delle pietre, ne fecero un mucchio, e presso il mucchio mangiarono.
  47. E Labano chiamò quel mucchio Jegar-Sahadutha, e Giacobbe lo chiamò Galed.
  48. E Labano disse: «Questo mucchio è oggi testimonio fra me e te». Perciò fu chiamato Galed,
  49. e anche Mitspa, perché Labano disse: «L’Eterno tenga l’occhio su me e su te quando non ci potremo vedere l’un l’altro.
  50. Se tu affliggi le mie figliuole e se prendi altre mogli oltre le mie figliuole, non un uomo sarà con noi; ma, bada, Iddio sarà testimonio fra me e te».
  51. Labano disse ancora a Giacobbe: «Ecco questo mucchio di pietre, ed ecco il monumento che io ho eretto fra me e te.
  52. Sia questo mucchio un testimonio e sia questo monumento un testimonio che io non passerò oltre questo mucchio per andare a te, e che tu non passerai oltre questo mucchio e questo monumento, per far del male.
  53. L’Iddio d’Abrahamo e l’Iddio di Nahor, l’Iddio del padre loro, sia giudice fra noi!» E Giacobbe giurò per il Terrore d’Isacco suo padre.
  54. Poi Giacobbe offrì un sacrifizio sul monte, e invitò i suoi fratelli a mangiar del pane. Essi dunque mangiarono del pane, e passarono la notte sul monte.
  55. La mattina, Labano si levò di buon’ora, baciò i suoi figliuoli e le sue figliuole, e li benedisse. Poi Labano se ne andò, e tornò a casa sua.
Поделиться:
Facebook ВКонтакте Twitter